Logo Science 4 All Scuole - Università di Padova
L’Orto botanico dell’Università di Padova, Patrimonio mondiale UNESCO dal 1997, è l’Orto botanico universitario più antico del mondo. Nato nel 1545 per la coltivazione di piante medicinali a fini scientifici e didattici, ha mantenuto nei secoli la sua particolare struttura architettonica – un cerchio con inscritto un quadrato, a sua volta suddiviso in quattro quadrati da due viali perpendicolari – e l’ubicazione originarie. All’interno della cinta muraria cinquecentesca si trovano piante medicinali, insettivore, velenose, succulente, acquatiche e ornamentali, oltre che piante storiche come la “Palma di Goethe” (1585). Nel 2014 l’Orto è stato ampliato con la costruzione del Giardino della biodiversità, cinque grandi serre ad alta tecnologia e bassissimo impatto ambientale in cui compiere un viaggio coinvolgente attraverso i biomi naturali del pianeta – dalle zone tropicali, alle zone sub-umide, dalle zone temperate a quelle desertiche – e scoprire il millenario rapporto tra le piante e l’Uomo. Il percorso di visita si è ulteriormente arricchito, nel 2023, grazie all’apertura del Museo botanico, un nuovo nucleo espositivo ricco di esperienze interattive in cui scoprire la storia dell’Orto, delle sue piante e di chi le ha raccolte, e dell’i

L’Orto botanico dell’Università di Padova, Patrimonio mondiale UNESCO dal 1997, è l’Orto botanico universitario più antico del mondo.

Nato nel 1545 per la coltivazione di piante medicinali a fini scientifici e didattici, ha mantenuto nei secoli la sua particolare struttura architettonica – un cerchio con inscritto un quadrato, a sua volta suddiviso in quattro quadrati da due viali perpendicolari – e l’ubicazione originarie. All’interno della cinta muraria cinquecentesca si trovano piante medicinali, insettivore, velenose, succulente, acquatiche e ornamentali, oltre che piante storiche come la “Palma di Goethe” (1585).

Nel 2014 l’Orto è stato ampliato con la costruzione del Giardino della biodiversità, cinque grandi serre ad alta tecnologia e bassissimo impatto ambientale in cui compiere un viaggio coinvolgente attraverso i biomi naturali del pianeta – dalle zone tropicali, alle zone sub-umide, dalle zone temperate a quelle desertiche – e scoprire il millenario rapporto tra le piante e l’Uomo.

Il percorso di visita si è ulteriormente arricchito, nel 2023, grazie all’apertura del Museo botanico, un nuovo nucleo espositivo ricco di esperienze interattive in cui scoprire la storia dell’Orto, delle sue piante e di chi le ha raccolte, e dell’intreccio millenario tra botanica e medicina. Al primo piano dell’edificio, l’Erbario storico e la nuova Biblioteca storica di medicina e botanica Vincenzo Pinali e Giovanni Marsili, accessibili per gli studiosi su prenotazione.

L’Orto botanico è visitabile anche con il biglietto integrato con il Museo della Natura e dell’Uomo. Inoltre, chi visita il Museo, Palazzo del Bo o Parco Villa Bolasco può acquistare il biglietto ridotto, presentando quello utilizzato precedentemente per visitare gli altri Luoghi della Scienza.

ntreccio millenario tra botanica e medicina. Al primo piano dell’edificio, l’Erbario storico e la nuova Biblioteca storica di medicina e botanica Vincenzo Pinali e Giovanni Marsili, accessibili per gli studiosi su prenotazione. L’Orto botanico è visitabile anche con il biglietto integrato con il Museo della Natura e dell’Uomo. Inoltre, chi visita il Museo, Palazzo del Bo o Parco Villa Bolasco può acquistare il biglietto ridotto, presentando quello utilizzato precedentemente per visitare gli altri Luoghi della Scienza.

Ti potrebbero interessare

© 2024 Università di Padova ' Tutti i diritti riservati P.I. 00742430283 C.f. 80006480281
ACOM - Ufficio Comunicazione
chevron-down